Pubblicato da: mida999 | giugno 13, 2010

Spirit e l’evoluzione di Marte

La NASA ha comunicato in questi giorni ulteriori risultati ottenuti elaborando i dati che il Mars Exploration Rover Spirit ha raccolto  dalla fine del 2005.Da questi si evince in particolare che uno spuntone di roccia chiamato ‘Comanche’ contiene uno specifico minerale che indica come il pianeta rosso in un lontano passato possedesse ambienti  bagnati e non-acidi, probabilmente favorevoli alla vita.Un affioramento che Spirit ha esaminato in questo periodo ha rivelato alte concentrazioni di carbonato che ha origine in substrati umidi con ph neutri ma si dissolve in acidi.Da ciò si può dedurre che l’acqua preesistente in questa zona del pianeta fosse non acida.Il rover della NASA ha trovato altre prove di ambienti marziani precedentemente bagnati ma in questo caso i dati indicano condizioni che possono essere state acide. In altre zone esplorate le condizioni erano decisamente acide e quindi meno favorevoli come habitat per la vita.I test di laboratorio dunque hanno contribuito a confermare l’identificazione di carbonato.I risultati sono stati pubblicati sul web giovedi 3 Giugno sulla rivista Science.”Questo è uno dei ritrovamenti più significativi del rover”, ha detto Steve Squyres della Cornell University di Ithaca, New York.Squyres è il ricercatore principale per quanto concerne i due rover presenti su Marte, Spirit e Opportunity e co-autore del nuovo rapporto.Un consistente deposito di carbonato di uno sperone roccioso ci dice che su Marte in un sistema solare più giovane erano presenti condizioni che sarebbero potute essere molto favorevoli per lo sviluppo di forme biologiche.Spirit ha ispezionato affioramenti rocciosi, tra cui uno denominato Comanche, lungo il percorso dalla cima della collina Husband in vicinanza con l’altopiano di Home Plate, che il rover ha studiato dal 2006.Il magnesio carbonato di ferro presente rappresenta circa un quarto del volume misurato in Comanche. Si tratta di una concentrazione di carbonato dieci volte superiore a qualsiasi precedentemente individuata in una roccia marziana.”Abbiamo utilizzato un lavoro investigativo per combinare i risultati provenienti da tre spettrometri”, ha detto Dick Morris, autore principale del rapporto e membro del gruppo di controllo dei rover della NASA Johnson Space Center a Houston.Rilevanti depositi di carbonato su Marte sono stati cercati per anni senza molto successo.I numerosi canali apparentemente scolpiti da flussi di acqua liquida su Marte suggeriscono che anticamente il pianeta fosse già caldo, grazie al riscaldamento generato dall’effetto serra.L’originaria densa atmosfera marziana è stata probabilmente ricca di anidride carbonica ed è compito dei ricercatori determinare dove la maggior parte del biossido di carbonio sia andato. Alcuni teorizzano che si disperse nello spazio. Altri ipotizzano che abbia lasciato l’atmosfera con una miscela di anidride carbonica e l’acqua, in condizioni che hanno condotto alla formazione di minerali di carbonato. Tale possibilità, dopo il ritrovamento di piccole quantità di carbonato nei meteoriti che provenivano da Marte, faceva supporre l’abbondante presenza di carbonato sul pianeta. Tuttavia gli spettrometri per la mappatura dei minerali presenti su Orbiter da allora non avevano trovato prove di depositi di carbonato localizzate in una sola zona, oltre alle piccole quantità distribuite globalmente nella polvere marziana.”Lo strumento con le migliori capacità per individuare i carbonati, il Thermal Emission Spectrometer, aveva il suo specchio contaminato da polvere nel 2005, prima che una bufera di vento pulisse i pannelli solari di Spirit” ha affermato Steve Ruff della Arizona State University a Tempe, Arizona, un altro co-autore del rapporto.Spirit Alpha Particle X-ray Spectrometer ha rilevato una forte concentrazione di elementi leggeri, tra cui un gruppo di carbonio ed ossigeno, che ha contribuito a quantificare il contenuto di carbonato.Ora spetta ad Opportunity,viste le condizioni critiche di Spirit, proseguire l’esplorazione in cerca di altre prove che possano suffragare definitivamente questa teoria.

Annunci

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: