Pubblicato da: mida999 | luglio 14, 2010

La sonda Rosetta sorvola l’asteroide Lutetia

La sonda Rosetta dell’Agenzia Spaziale Europea ha effettuato con successo il flyby sull’asteroide 21 Lutetia , il più grande ad essere mai esplorato da un veicolo spaziale.Sabato 10 luglio, Rosetta si è avvicinata a Lutetia ad una velocità di circa 33.000 chilometri l’ora arrivandone a 3162 km. di distanza ed iniziando a trasmettere dati a Terra per l’elaborazione poco dopo il massimo avvicinamento. L’origine di 21 Lutetia  è stata un mistero  per molti anni. Per certi versi assomiglia ad un asteroide di tipo ‘C’, un corpo primitivo residuo della formazione del Sistema Solare.Altre caratteristiche lo rendono compatibile con un tipo ‘M’, associato a meteoriti  di ferro, di colorazione rossastra ,ipoteticamente frammento del nucleo di corpi celesti molto più grandi.Le immagini mostrano che Lutetia, dal corpo allungato e con il suo lato più lungo di circa 130 km., è ricca di crateri, provocati dai numerosi impatti subiti durante i suoi 4,5 miliardi di anni di esistenza.I ricercatori e gli ingegneri ESA con l’assistenza di istituti scientifici europei e statunitensi e la collaborazione di numerose università  hanno preparato questo appuntamento per diversi mesi, lavorando su una serie di comandi che  potesse consentire agli strumenti installlati a bordo della navicella di condurre autonomamente osservazioni al passaggio di Lutetia.L’Osiris (Optical Spettroscopiche e Infrared Remote Imaging System) ad esempio, gestito dalla tedesca Max Planck Institute, ha catturato immagini dello spettro visibile al massimo avvicinamento di Rosetta.Il flyby è stato il secondo di due incontri ravvicinati previsti con asteroidi della sonda che ha iniziato il suo viaggio  nel 2004.Il primo, avvenuto il 4 agosto 2008, ha interessato il 2867 Steins, un asteroide molto più piccolo di Lutetia. Nel 2014, Rosetta effettuerà la sua missione principale di orbita ed esplorazione della cometa 67P/Churyumov Gerasimenko.La sonda attraverso il  lander Philae atterrerà sulla superficie della cometa  per condurne per la prima volta l’esplorazione a distanza ravvicinata.

Annunci

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: