Pubblicato da: mida999 | luglio 18, 2010

Il Very Large Telescope e la genesi stellare

Un gruppo internazionale di astronomi dell’ESO ha osservato la formazione  di una stella gigante,Iras 13481-6124, venti volte più massiccia e con un raggio cinque volte superiore del Sole nella costellazione del Centauro, a circa 10.000 anni luce di distanza dalla terra. Dalle immagini d’archivio del telescopio spaziale della Nasa Spitzer e dalle osservazioni effettuate col telescopio Apex gli astronomi hanno notato la presenza di un getto che indica la presenza di un disco di gas e polveri intorno alla  giovane stella. E’ la prima volta che si ottiene evidenza diretta che le stelle massicce si generino come stelle di piccola massa da dischi protostellari. La scoperta è stata realizzata grazie all’utilizzo del Very Large Telescope Interferometer (Vlti). Combinando la luce di tre dei telescopi ausiliari da 1.8 metri del Vlti con lo strumento Amber,costituito da un interferometro e uno spettrometro infrarosso per disperdere le frange di luce, gli scienziati hanno potuto ottenere dati equivalenti a un telescopio con uno specchio di 85 metri di diametro.”Le nostre osservazioni mostrano un disco che circonda una giovane stella di grande massa allo stadio embrionale, ora completamente formatasi” afferma Stefan Kraus dell’Università del Michigan. I dischi d’accrescimento sono un ingrediente fondamentale nel processo di formazione stellare di piccola massa come il Sole. Tuttavia, non era analogamente ipotizzabile che questi dischi fossero presenti anche durante la formazione di stelle massicce, oltre dieci masse solari, dove la forte luce emessa avrebbe potuto impedire alla massa di collassare nella stella.E’ stato teorizzato ad esempio che le stelle massicce potessero formarsi dalla fusione di stelle più piccole.”Questa scoperta sembra indicare che la formazione delle stelle di grandi dimensioni avvenga con la stessa dinamica di quelle di piccola.Ciò implica dunque che le stelle primordiali, di dimensioni massicce, abbiano seguito la stessa genesi e che possano inoltre generare un sistema planetario.Il disco protostellare è infatti condizione necessaria perché si formi un sistema di pianeti intorno a  una stella.

Annunci

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: