Pubblicato da: mida999 | dicembre 16, 2010

Il batterio GFAJ-1 si riproduce nell’arsenico

I ricercatori della NASA Astrobiology hanno scoperto nel Mono Lake in California le prove del primo microrganismo noto sulla Terra in grado di prosperare e riprodursi in un ambiente reso tossico chimicamente dalla presenza di arsenico.’I parametri biologici della vita nell’universo sono certamente ampliabili,ha affermato Ed Weiler, amministratore associato della NASA per la missione della Direzione Scientifica presso la sede dell’agenzia a Washington. ‘Stiamo proseguendo i nostri sforzi nel tentativo di trovare segni di vita nel sistema solare e dobbiamo di conseguenza pensare in modo più ampio riconsiderando la vita in base a nuovi canoni.’Questa scoperta di biochimica alternativa modificherà  i testi di biologia ed amplierà l’ambito della ricerca di forme di vita extraterrestre.Carbonio, idrogeno, azoto, ossigeno, fosforo e zolfo sono i sei elementi di base di tutte le forme di vita conosciute sulla Terra.Il fosforo è una parte della spina dorsale chimica del DNA e RNA, le strutture che portano istruzioni genetiche per la vita ed è considerato un elemento essenziale per tutte le cellule viventi.Il fosforo è un elemento centrale delle molecole di energia che vengono trasportate  in tutte le cellule (adenosina trifosfato) ed anche dei fosfolipidi che formano tutte le membrane cellulari.L’arsenico che è chimicamente simile al fosforo è velenoso per la maggior parte della vita sulla Terra.L’arsenico sconvolge le vie metaboliche perché chimicamente si comporta in modo simile al fosfato.’Sappiamo che alcuni microbi possono respirare l’arsenico, ma quello che abbiamo trovato è un microbo in grado di fare qualcosa di nuovo ‘ha detto Felisa Wolfe-Simon, scienziato che guida il team del NASA Astrobiology Research Fellow presso il Servizio Geologico degli Stati Uniti Indagine a Menlo Park, in California.Il microbo del ceppo GFAJ-1 è di recente scoperta ed appartiene ad un gruppo di batteri estremofili denominato Gammaproteobacteria.In laboratorio i ricercatori sono riusciti a far crescere i microbi del lago in una coltura povera di fosforo ed arricchita da generose porzioni di arsenico. Quando i ricercatori hanno rimosso il fosforo sostituendolo con l’arsenico i microbi  hanno continuato a crescere.Successive analisi tecniche sofisticate di laboratorio hanno indicato che l’arsenico era stato utilizzato per produrre nuove cellule di GFAJ-1.Il team ha scelto di esplorare il Mono Lake a causa della sua chimica insolita, in particolare la sua elevata salinità, l’elevata alcalinità e gli alti livelli di arsenico.Questa chimica è in parte conseguenza dell’isolamento del Mono Lake dalle sorgenti di acqua dolce per 50 anni.I risultati di questo studio contribuiranno alla ricerca in corso in molte aree tra cui lo studio dell’evoluzione della Terra, la chimica organica ed i cicli biogeochimici.’L’idea di biochimica alternativa per la vita è comune nella fantascienza’, ha detto Carl Pilcher, direttore del NASA Astrobiology Institute presso l’agenzia di Ames Research Center di Moffett Field, in California.’Fino ad ora una forma di vita su base dell’arsenico poteva considerarsi solo allo stato teorico ma ora sappiamo che esiste realmente nel Mono Lake’.

Annunci

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: